Papa in Calabria: Pecora (Ammazzateci tutti),”Calabria si liberera’ dalla ‘ndrangheta con la bontà”

“Noi abbiamo il dovere della speranza, anche a costo di continuare ad andare controcorrente per altri cento anni”
REGGIO CALABRIA, 21.06.2014 – “La visita pastorale del Santo Padre in Calabria sia il seme del riscatto e del cambiamento radicale che i giovani e le persone di buona volontà possono e devono coltivare e far fiorire”. E’ quanto afferma il leader del movimento antimafia ‘Ammazzateci tutti’, Aldo Pecora.
“Papa Francesco – scrive Pecora, in una nota – non solo ha chiamato la ‘ndrangheta per nome, ma ha scomunicato ufficialmente i mafiosi, che essendo in ‘adorazione del male’ non potranno mai essere ‘in comunione con Dio'”.
“Accogliamo con determinazione – continua la nota – il monito di Sua Santità ai giovani a non farci rubare la speranza, e a nostro avviso questa terra può e deve trovare dentro se stessa, visceralmente, il coraggio di liberarsi dal male”.
“Ma tra i mali di questa terra – scrive il fondatore del movimento antimafia calabrese – mi permetto di dire che il più pericoloso non è la mafia, ma la rassegnazione, l’idea che niente potrà mai cambiare in questo lembo d’Italia”.
Quindi l’invito di Aldo Pecora ai giovani: “Noi abbiamo il dovere della speranza, anche a costo di continuare ad andare controcorrente per altri cento anni, dobbiamo ricercare ed affermare il bene, perché come ha già detto il nostro Papa la bontà è contagiosa. E contagiando questa terra con il bene, organizzando la speranza, saremo davvero finalmente un popolo libero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.