Mafia Capitale: il Questore, “questa inchiesta non mi stupisce”

D’Angelo: “Roma, grande piazza di riciclaggio, ha avuto anni molto più difficili di adesso”

ROMA, 17 dic – “Non ci sono criminali potenti: gli arresti lo dimostrano al di la’ di ogni dubbio”: lo ha sottolineato, riferendosi all’inchiesta della procura di Roma su Mafia Capitale, il questore di Roma, Nicoló D’Angelo, in occasione dello scambio di auguri con la stampa. E “se c’e’ da fare pulizia la faremo”. “Non sono stupito di questa inchiesta, di questi arresti”, ha aggiunto, spiegando: “La maggior parte di loro sono personaggi ben noti. Ricordo che a fine anni ’80 Roma aveva attaversato un periodo molto ma molto piu’ difficile di adesso“.”Roma – ha ricordato il questore – era interessata dal terrorismo di destra e di sinistra, dalla banda della magliana, avevamo una situazione estremamente difficile sul territorio”. E “gia’ a suo tempo una delle peculiarita’ della criminalita’ era la forte capacita’ di penetrazione nel tessuto collettivo della societa’”.

“Poiche’ Roma – ha spiegato il questore – è una grande piazza di riciclaggio dove si svolge una grossa fetta dell’attività economica italiana. All’epoca c’era sicuramente un comportamento classico da organizzazione criminale di stampo mafioso poiche’ tutti i reati della banda della Magliana portavano a quello. Purtroppo, anche se le tendenze si rispettano anche se non le condivido, non venne riconosciuto il 416 bis”.

(AGI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.