‘Ndrangheta: operazione Medusa, ai domiciliari brigadiere Carabinieri.

Condannato a sei anni per concorso esterno e violazione segreto

CATANZARO, 9 dic – I giudici del tribunale della liberta’ di Catanzaro hanno concesso gli arresti domiciliari al brigadiere dei carabinieri Roberto Gidari, condannato in primo grado a sei anni nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Catanzaro contro le cosche della ‘ndrangheta. I giudici del riesame hanno accolto la richiesta dei difensori di Gidari, gli avvocati Francesco Gambardella a Antonio Pagliuso. Il brigadiere dei carabinieri e’ accusato di violazione del segreto d’ufficio e concorso esterno in associazione mafiosa. L’inchiesta contro le cosche della ‘ndrangheta, chiamata Medusa, ha portato nei mesi scorsi alla condanna di 36 imputati a pene variabili dai 3 ai 14 anni di reclusione. Attualmente e’ in corso il processo d’appello.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.