‘NDRANGHETA: GEMELLAGGIO LOMBARDIA-CALABRIA, INCONTRO CON IL PM ADDESSO E IL QUESTORE CARDONA

‘NDRANGHETA: GEMELLAGGIO LOMBARDIA-CALABRIA, INCONTRO CON IL PM PASQUALE ADDESSO E IL QUESTORE DI VARESE

{mosgoogle}BUSTO ARSIZIO (VA) – Prosegue a grandi ritmi il gemellaggio antimafia “Calabria-Lombardia” promosso dal Movimento antimafie “Ammazzateci tutti” e dai Licei “G.Rechichi” di Polistena (RC) e “A.Tosi” di Busto Arsizio (VA).
Questa mattina presso il Liceo scientifico “A. Tosi” di Busto Arsizio vi è stato un primo incontro tra i giovani calabresi e i loro coetanei lombardi. Successivamente una partecipata visita alla Questura di Varese.
<<Ammazzateci Tutti nasce in piazza – apre l’incontro il referente Bustocco di “Ammazzateci Tutti” Davide Borsani – ma la nuova frontiera dell’Associazione è quella del’educazione nella scuole, come avviene da alcuni anni a questa parte>>. Calda accoglienza dimostrata dal Preside del Liceo “A. Tosi” di Busto Arsizio Giulio Ramolini: <<Questo è un progetto che non deve finire quest’anno – sottolinea il Dirigente Scolastico – l’anno prossimo saremo noi a scendere in Calabria per proseguire le attività con percorsi analoghi>>.
<<Quando ero vicesindaco presso la mia città – ha aggiunto il Preside del Liceo “G. Rechichi” di Polistena Giovanni Laruffa – ho sperimentato tre proiettili di pistola nella pelle, solo perchè portavo avanti il valore della legalità nel mio compito di amministratore pubblico. Ed è proprio per questo che ora sono riconosciuto formalmente come vittima di mafia>>.
Interviene Alessandro Pecora, Responsabile organizzativo calabrese del Movimento antimafia “Ammazzateci tutti” <<Il nostro è un lavoro capillare che non sarà certo fermato perché qualcuno decide di intimidirci. Noi in tutte le attività che facciamo ci mettiamo la nostra faccia, senza paura e con la schiena dritta>>.
Conclude l’incontro il Sostituto Procuratore Pasquale Addesso: <<Dobbiamo capire qual è la strada giusta e decidere sin da subito da che parte stare. Non è solo compito dei magistrati combattere la mafia che, essendo un fenomeno sociale, va combattuto attraverso la negazione del consenso sociale che spesso gli si attribuisce>>.
Il questore di Varese dott. Cardona, originario della città di Reggio Calabria, ha successivamente accolto, insieme al Capo di Gabinetto della Questura e al Capo della squadra mobile di Varese, con tanta passione i giovani Calabresi coinvolti nel gemellaggio antimafia.
<<Bisogna investire sulla cultura della legalità partendo dalle piccole azione quotidiane come non accettare il caffè offerto dai mafiosi nei bar calabresi. Il lavoro che state facendo è encomiabile – continua commosso il questore – e associazioni libere come Ammazzateci Tutti sono realmente incisive nel contrasto alle mafie>>.
Al termine dell’incontro il Capo della squadra mobile ha accompagnato i ragazzi a visitare gli uffici della questura. Gli stessi ragazzi, accompagnati dai tutor del gemellaggio professori Emiliano Cheloni e Antonio Giovinazzo, hanno cosi potuto direttamente constatare qual’é l’enorme lavoro svolto dalle forze di polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.