CAMORRA: PROCESSO CLAN A NORD DI NAPOLI, 48 CONDANNE

{mosgoogle} NAPOLI – La terza sezione penale del Tribunale di Napoli (presidente Domenico De Stefano, giudici Mario Gaudio e Francesca Pandolfi) ha emesso 48 condanne per un totale di 456 anni di reclusione a presunti appartenenti a 6 clan della camorra attivi nell'area a nord di Napoli: clan Natale-Marino, attivo a Caivano, clan Legnante-Pasquale Pezzella, attivo a Frattamaggiore e Frattaminore, clan Russo-Ciccarelli, attivo nel parco verde a Caivano, clan Francesco Pezzella attivo a Cardito e a Carditello, clan Iavazzo attivo a Frattamaggiore, clan Cennamo attivo a Crispano e a Frattamaggiore. La Corte ha anche emesso 7 proscioglimenti per la morte degli imputati e 15 assoluzioni. La lettura del dispositivo è durata 55 minuti. Il pm al termine della requisitoria protrattasi per 10 udienze e depositata per iscritto, in 3 volumi per un totale di 1.128 pagine, aveva chiesto 162 condanne per un totale di 740 anni di reclusione, 7 proscioglimenti per morte del reo ed una sola assoluzione. Gli imputati sono 70 e dovranno rispondere di 89 capi di imputazione, di cui 43 estorsioni e 25 reati di spaccio di droga, 8 reati concernenti le armi, 3 reati associativi. Complessivamente sono state celebrate 124 udienze, esaminati 119 testimoni e 11 collaboratori di giustizia. Nell'ambito della guerra tra i 6 clan per il predominio dello spaccio di droga e delle estorsioni, tra il '96 e il '99 sono stati commessi 16 omicidi. Durante la celebrazione del processo si sono verificati altri omicidi di alcuni degli imputati.
 
Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.