MAFIA: LIVATINO; IL GIUDICE RAGAZZINO CHE SI VUOLE BEATIFICARE

{mosgoogle} CANICATTÌ (AGRIGENTO) – Diciotto anni fa, il 21 settembre 1990, un commando mafioso uccise lungo la strada statale Agrigento-Caltanissetta il giudice Rosario Livatino, che oggi è stato ricordato dall'Associazione nazionale magistrati con un convegno al quale ha partecipato il Guardasigilli Angelino Alfano. Domani in memoria del 'giudice ragazzino', come viene chiamato Livatino morto a 37 anni, sarà celebrata alle 10.30 una messa, per volere della famiglia, nella chiesa di San Domenico a Canicattì. Alle 12 sarà deposta una corona di fiori sulla stele fatta erigere dai genitori nel luogo del delitto, lungo il viadotto Gasena. Alle 18 a Brolo è previsto un incontro organizzato dall'associazione 'Raggio di Solè dal titolo «Ricordare il giudice Rosario Livatino: l'impegno per costruire un futuro di civiltà e legalità». Intanto i familiari, gli amici e molti concittadini aspettano l'apertura del processo di beatificazione di Rosario Livatino. La Curia di Agrigento ha già raccolto una serie di testimonianze e il nuovo vescovo di Agrigento, Francesco Montenegro, ha dato l'incarico per l'esame della documentazione. (ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.